Crypto tax illustration

Come dichiarare le criptovalute nella dichiarazione dei redditi

Questa guida illustra come le criptovalute sono tassate in Svizzera, Francia, Germania e Belgio e come devono essere dichiarate nella dichiarazione dei redditi.

Clock icon5 minuti|Yann Gerardi|Pubblicato il 22.03.2024|Aggiornato il 27.06.2024

Disclaimer: Il contenuto di questa sezione è fornito solo a scopo informativo e non costituisce una consulenza legale o fiscale. Per la consulenza fiscale e altri servizi correlati, si prega di contattare un professionista qualificato. Inoltre, sebbene ci sforziamo di mantenere aggiornate le informazioni fornite, non possiamo garantire lo stesso perché le pratiche fiscali governative possono cambiare a nostra insaputa. Non siamo responsabili di eventuali decisioni o azioni intraprese sulla base delle informazioni presentate in questa pagina.

Indice dei contenuti

  1. Svizzera
  2. Italia
  3. Francia
  4. Belgio
  5. Germania

Svizzera

In Svizzera è necessario dichiarare l'importo di qualsiasi criptovaluta (compresi gli NFT) posseduta, ovunque sia conservata e senza eccezioni.

È necessario dichiarare l'importo detenuto al 31 dicembre e il valore in CHF alla stessa data. L'amministrazione fiscale svizzera fornisce questo valore per le principali criptovalute, ma per quelle più piccole dovrà trovarlo lei stesso (può farlo facilmente su Kraken).

In linea di principio, è generalmente accettabile dichiarare il valore totale delle criptovalute possedute senza riportare i dettagli.

Dove dichiarare le criptovalute

In Svizzera, le dichiarazioni fiscali vengono fatte a livello cantonale e ogni cantone fornisce strumenti fiscali diversi. Alcuni di essi avranno una sezione dedicata alle criptovalute, nel qual caso si dovrà semplicemente utilizzarla. Per quelli che non ce l'hanno, potrà dichiarare le sue criptovalute nella sezione patrimoniale o in quella dei titoli. Se le sue criptovalute generano un rendimento (staking, mining, ecc.), dovrà dichiararle come titoli.

Plusvalenze

Le plusvalenze per le persone fisiche sono esenti da imposte. Tuttavia, se ci sono più di un investitore/minatore occasionale, si può essere qualificati come professionisti (activité lucrative indépendante) e tassati di conseguenza. Per questa qualifica entrano in gioco molti fattori, per cui non esiste una risposta univoca al suo funzionamento; tuttavia, l'amministrazione fiscale prenderà in considerazione il numero di operazioni al giorno, l'eventuale ricorso a prestiti e leva finanziaria per fare trading e il fatto che i guadagni derivanti da questa attività costituiscano o meno la principale fonte di reddito per il proprio tenore di vita. Maggiori informazioni su questo processo di qualificazione sono disponibili nella circolare federale n. 36.

Cosa succede se non ho mai dichiarato le mie criptovalute?

Se deve convertire un'importante somma di criptovalute in fiat (ad esempio per comprare una casa), dovrà giustificare l'origine di questi fondi e la loro conformità fiscale. Se non li ha mai dichiarati prima, potrà fare una procedura di "denuncia spontanea" (è un asso nella manica che capita una volta nella vita) che le risparmierà le multe, anche se dovrà pagare le tasse e gli interessi retroattivamente, ovviamente.

Dichiarazione dei token MPS

Il token MPS è l'azione effettiva di Mt Pelerin Group SA. Pertanto, dovrà essere dichiarato e riportato nella sua dichiarazione dei redditi come farebbe per il possesso di azioni di qualsiasi altra società per azioni non pubblica.

Ogni anno comunichiamo per e-mail agli azionisti registrati il valore fiscale della MPS, determinato dalla nostra amministrazione cantonale svizzera. Tale valore deve essere utilizzato per dichiarare i gettoni nella sezione azioni o titoli della dichiarazione dei redditi.

Suggerimenti

  • È possibile esportare le transazioni di criptovalute effettuate con Mt Pelerin in formato PDF o CSV in Bridge Wallet nella scheda Attività > Off chain dell'app.
  • È possibile esportare le transazioni di criptovalute dalla maggior parte deiblock explorer.
  • Faccia uno screenshot delle sue criptovalute ogni 31 dicembre. Per l'ecosistema Ethereum, potrà farlo facilmente incollando il suo indirizzo pubblico su Zapper.xyz (è gratuito e non richiede registrazione).

Ha bisogno di aiuto per la sua dichiarazione dei redditi in Svizzera?

Compili il modulo sottostante per una consulenza gratuita con lo studio specializzato svizzero CLARK:


Italia

In Italia, l'autorità fiscale principale è Agenzia Delle Entrate. Forniscono una guida limitata su come le criptovalute dovrebbero essere trattate a fini fiscali.

Prima del 2023, il principio fondamentale in Italia trattava le criptovalute in modo simile alle valute estere e, come tale, ciò portava a una certa incertezza. Gli individui erano soggetti a una tassa sulle plusvalenze del 26% sui redditi diversi che veniva applicata solo se il valore totale delle partecipazioni in criptovalute superava €51.645,69 per più di sette giorni consecutivi. Questa soglia, insieme alla mancanza di regolamentazioni specifiche, creava incertezza per gli investitori italiani in criptovalute.

Tuttavia, a dicembre 2022, l'Italia ha aggiornato le proprie regolamentazioni sulle criptovalute per l'annuncio del bilancio 2023. Riconoscendo l'importanza crescente delle criptovalute, l'Agenzia delle Entrate ha introdotto un quadro normativo più completo.

Tassa sulle plusvalenze

Questo quadro prevede che i contribuenti italiani in criptovalute debbano pagare il 26% di tassa sulle plusvalenze su tutti i profitti derivanti dalle criptovalute che superano €2.000. Questa tassa non è limitata ai profitti, ma si applica anche a una gamma più ampia di transazioni, inclusa la vendita di criptovalute, la conversione in valuta fiat e l'uso per acquisti. Inoltre, consente agli individui di dedurre le perdite da criptovalute superiori a €2.000 per compensare i profitti e portare avanti le perdite.

La tassa sostitutiva sul valore

Il sistema fiscale italiano offre una nuova opzione per i detentori di criptovalute. Scegliendo questo metodo, i contribuenti italiani dichiarano il valore totale delle loro partecipazioni in asset digitali al 1º gennaio di ogni anno e pagano una tassa forfettaria del 14% sul valore dichiarato. Questa opzione semplifica il processo fiscale per coloro che detengono criptovalute per scopi di investimento a lungo termine.

La tassa sostitutiva sul valore è un'alternativa alla tassa sulle plusvalenze, non un'imposta aggiuntiva.

Tasse sui redditi e obblighi di dichiarazione

Obblighi di dichiarazione

Indipendentemente dalla quantità di criptovaluta posseduta dai contribuenti italiani, essi sono tenuti a dichiarare le loro partecipazioni e transazioni in criptovalute nelle loro dichiarazioni dei redditi annuali. Questo mira ad aumentare la trasparenza e prevenire l'evasione fiscale all'interno dell'ecosistema delle criptovalute. La mancata dichiarazione accurata di queste transazioni può comportare sanzioni (una somma fissa o una percentuale che varia dal 120% al 240% dell'importo della tassa non pagata).

Tasse sui redditi

Se gli individui utilizzano le loro criptovalute per generare altre forme di reddito (come: ricompense da staking, mining di criptovalute), il reddito è generalmente soggetto alle aliquote ordinarie dell'imposta sul reddito.

  • Mining di criptovalute: Quando gli individui vendono le loro criptovalute minate, ciò può essere considerato un'attività imprenditoriale e, come tale, la vendita delle criptovalute può essere soggetta al regime fiscale per le imprese individuali. Questo significa che i profitti dalla vendita delle criptovalute sarebbero soggetti alle aliquote progressive dell'imposta sul reddito applicabili che variano dal 23% al 43%.
  • Ricompense da staking: Il reddito generato da attività di staking e yield farming non è esente da tasse, e le imprese devono dichiarare questo reddito nei loro bilanci.

Tassazione delle imprese

Le criptovalute sono considerate "beni immateriali" e sono quindi incluse nei bilanci aziendali sotto immobilizzazioni immateriali.

Le seguenti tasse sono applicabili:

  • Imposta sulle società: Le entità aziendali italiane che trattano criptovalute sono soggette all'imposta sul reddito delle società sui loro profitti. L'aliquota standard dell'imposta sulle società in Italia, nota come "imposta sul reddito sulle societa (IRES)", è del 24%, e l'imposta regionale sulle attività produttive, nota come "imposta regionale sulle attivita (IRAP)", è del 3,9%.
  • IVA (Imposta sul Valore Aggiunto): Nel 2015, la Corte di Giustizia dell'Unione Europea (ECJ) ha stabilito che le transazioni che coinvolgono lo scambio di valute tradizionali per criptovalute (e viceversa) sono esenti da IVA. L'Italia segue questa sentenza e, pertanto, l'IVA non viene applicata all'acquisto o alla vendita di criptovalute. Tuttavia, i beni e i servizi acquistati con criptovalute sono soggetti a IVA.

Come dichiarare le tasse sulle criptovalute in Italia

Non ci sono istruzioni chiare riguardo alla tenuta dei registri per le criptovalute, ma individui e investitori devono mantenere registri aggiornati in caso di verifica fiscale. Il registro dovrebbe includere:

  • Date delle transazioni
  • Criptovalute coinvolte nelle transazioni
  • Tipo di transazione
  • Importi coinvolti
  • Valore delle transazioni in EUR
  • Profitti o perdite dalle transazioni

Moduli per la dichiarazione delle tasse sulle criptovalute in Italia

Ci sono due tipi di moduli che possono essere utilizzati per la dichiarazione delle tasse. Ogni modulo ha la propria scadenza ed è dipendente dalla natura del reddito del contribuente. Essi includono:

  • Form Modello Redditi PF: Viene utilizzato per coloro che hanno redditi da lavoro, crediti o detrazioni da dichiarare o richiedere (scadenza - 30 novembre dell'anno successivo).
  • Form Modello 730: Viene utilizzato per coloro che dichiarano redditi da lavoro, imposte trattenute, plusvalenze o redditi e beni esteri (scadenza - 30 settembre dell'anno successivo).

Considerazioni e sfide

Il recente aggiornamento del sistema fiscale italiano sulle criptovalute rappresenta un passo positivo verso la chiarezza e l'efficienza. Le linee guida chiare sulla tassazione delle plusvalenze offrono un grado di certezza per gli investitori individuali. Inoltre, l'esenzione dall'IVA per gli scambi di criptovalute riduce la complessità delle transazioni.

Tuttavia, le modifiche presentano ancora sfide per i contribuenti. L'alta aliquota del 26% sulle plusvalenze può essere un peso per gli investitori, specialmente per coloro che commerciano frequentemente o possiedono grandi quantità di criptovalute.

Il sistema fiscale italiano sulle criptovalute è in fase di sviluppo. Riflette lo sforzo del paese di abbracciare e integrare le criptovalute nel proprio quadro finanziario e fiscale. Sebbene persistano delle sfide, il recente aggiornamento dimostra che l'Italia può creare un sistema raffinato ed efficiente che favorisca l'innovazione garantendo al contempo chiarezza ed equità nella tassazione degli asset digitali.


Francia

Il regime fiscale francese per le criptovalute in vigore dal 1° gennaio 2019 con la legge PACTE PLF tassa i guadagni realizzati quando una criptovaluta viene convertita in una valuta fiat (CHF, EUR, ecc.) o più generalmente quando viene scambiata con qualcosa di diverso dalla criptovaluta (acquisti di beni e servizi) con un'aliquota forfettaria del 30% chiamata “Prélèvement forfaitaire unique” o flat-tax.

Le operazioni da cripto a cripto non sono tassate, comprese le operazioni in stablecoin. Pertanto, devono essere dichiarate solo le transazioni da cripto a fiat, beni e servizi effettuate nell'arco di un anno fiscale e si è tassati solo se il risultato finale tra guadagni e perdite è positivo.

Poiché tenere traccia di tutte le operazioni in criptovalute può essere estremamente noioso, le consigliamo vivamente di utilizzare Waltio, una piattaforma che le consentirà di automatizzare la maggior parte delle sue dichiarazioni in criptovalute in Francia.

Come funziona

  1. Si registri su Waltio utilizzando questo link.
  2. Utilizzi il codice di riferimento MTPELERIN<3 per ottenere uno sconto del 10%.
  3. Esporti le sue transazioni in Bridge Wallet andando in Attività > Off chain > Rendiconto delle transazioni, selezioni le date e clicchi su "Genera CSV".
  4. Importi il file CSV in Waltio, quindi segua le istruzioni (qui troverà un tutorial dettagliato su come utilizzare Waltio).

Dichiarare i token MPS

Per le azioni la Francia applica lo stesso principio di tassazione delle plusvalenze, con l'aggiunta di tassare anche i dividendi. Poiché i token MPS non pagano ancora dividendi, potrà semplicemente ignorare questa parte. Ciò che dovrà dichiarare sono le plusvalenze realizzate se ha venduto i gettoni MPS e ha convertito tali plusvalenze in fiat.

Note

  • Potrà ottenere una dichiarazione delle sue transazioni su Mt Pelerin in Bridge Wallet anche se ha utilizzato il nostro servizio attraverso il nostro sito web o attraverso un sito di terze parti.
  • Waltio ha bisogno di tutte le sue transazioni in cripto-fiat per funzionare, quindi selezioni la data della sua prima transazione con noi come data di inizio dell'intervallo di date.
  • Il file deve essere scaricato in inglese per essere importato correttamente in Waltio.
  • Si assicuri di esportare il file in formato CSV, Waltio non supporta i file PDF.

Suggerimenti

  • Se ha incassato meno di 305 euro in un anno, i suoi guadagni non saranno tassati.
  • Le operazioni da cripto a stablecoin non sono tassabili.
  • Mt Pelerin non è un conto digitale estero, ma solo un fornitore di servizi di cambio valuta.

Link


Belgio

Al momento il Belgio non ha ancora una normativa chiara sulla tassazione delle criptovalute. Il principio generale è che i guadagni realizzati con le criptovalute dovrebbero essere tassati, ma ciò dipende dal fatto che l'amministrazione fiscale la inserisca in una delle 3 categorie:

  • L'investitore occasionale: Se si investe in criptovalute di tanto in tanto con piccole somme, i guadagni da trading non saranno tassati. Tuttavia, i guadagni da reddito passivo (staking, farming, lending) saranno tassati al 30%. Purtroppo, questa categorizzazione è un apprezzamento e dipende interamente dall'amministrazione fiscale.
  • Lo speculatore: Se si fa trading più frequentemente e si ottengono profitti maggiori, i guadagni da trading saranno tassati al 33% e i guadagni da reddito passivo (staking, farming, lending) saranno tassati al 30%.
  • Il trader professionista: Se gli investimenti in criptovalute sono la sua attività principale e la sua fonte di reddito, rientrerà in questa categoria e dovrà dichiarare la sua attività come indipendente con tutte le spese sociali che ne derivano. I suoi guadagni saranno tassati dal 25% al 50% a seconda delle sue entrate.

Anche se questo punto non è ancora stato chiarito del tutto, il Belgio dovrebbe tassare solo i guadagni realizzati sulle transazioni da cripto a fiat, proprio come in Francia.

Poiché tenere traccia di tutte queste operazioni può essere estremamente noioso, le consigliamo di utilizzare Waltio, una piattaforma che la aiuterà ad automatizzare la maggior parte delle sue dichiarazioni di criptovalute in Belgio.

Come funziona

  1. Si registri su Waltio utilizzando questo link.
  2. Utilizzi il codice di riferimento MTPELERIN<3 per ottenere uno sconto del 10%.
  3. Esporti le sue transazioni in Bridge Wallet andando in Attività > Off chain > Rendiconto delle transazioni, selezioni le date e clicchi su "Genera CSV".
  4. Importi il file CSV in Waltio, quindi segua le istruzioni (qui troverà un tutorial dettagliato su come utilizzare Waltio).

Note

  • Potrà ottenere una dichiarazione delle sue transazioni su Mt Pelerin in Bridge Wallet anche se ha utilizzato il nostro servizio attraverso il nostro sito web o attraverso un sito di terze parti.
  • Waltio ha bisogno di tutte le sue transazioni in cripto-fiat per funzionare, quindi selezioni la data della sua prima transazione con noi come data di inizio dell'intervallo di date.
  • Il file deve essere scaricato in inglese per essere importato correttamente in Waltio.
  • Si assicuri di esportare il file in formato CSV, Waltio non supporta i file PDF.

Germania

In Germania i profitti derivanti dalle criptovalute sono tassati. Secondo il Ministero federale delle finanze, le criptovalute come Bitcoin ed Ethereum non sono considerate mezzi di pagamento ufficiali, ma sono classificate come "altri beni economici". La tassazione degli utili delle criptovalute è quindi simile a quella degli utili azionari. Tuttavia, la ritenuta alla fonte finale non si applica ai guadagni derivanti dalle criptovalute. Si applica invece solo l'imposta sul reddito, che varia individualmente a seconda del livello di reddito e può arrivare fino al 42%. Inoltre, potrebbe essere necessario pagare la sovrattassa di solidarietà e l'imposta di culto.

Fonte: Wendl & Köhler, Wirtschaftslexikon Gabler

C'è anche una particolarità nella tassazione delle criptovalute secondo la legge tedesca: il commercio di criptovalute è classificato come una transazione di vendita privata, simile alle opere d'arte o all'oro. Pertanto, è previsto un periodo di speculazione di un anno. Se le criptovalute vengono detenute per almeno un anno, i guadagni derivanti dalla loro vendita sono esenti da imposte.

Fonte: Wendl & Köhler

Inoltre, esiste un limite di esenzione di 600 euro all'anno. Se il profitto derivante dalla vendita di criptovalute è inferiore a 600 euro, non sono dovute imposte. Tuttavia, se il profitto è superiore a 600 euro, l'imposta sul reddito è dovuta sull'intero profitto realizzato.

Fonte: WirtschaftsWoche

Dove dichiarare le criptovalute

Nella dichiarazione dei redditi, i profitti o le perdite derivanti dal trading di criptovalute devono essere indicati nell'allegato SO ("Altri redditi"). Lì devono essere indicate anche la data di acquisizione e la data di cessione per poter tracciare il profitto o la perdita. Inoltre, devono essere indicati i costi di acquisizione e di cessione e l'utile o la perdita che ne deriva. Le perdite derivanti dalla vendita di criptovalute possono essere compensate con le plusvalenze dello stesso anno.

NFT e imposte

Come investitore privato, alla vendita di NFT si applicano le stesse regole della vendita di criptovalute: se il profitto derivante dalla vendita di NFT è inferiore a 600 euro o se la vendita viene effettuata più di un anno dopo l'acquisto, i profitti sono esenti da imposte.

Tuttavia, se ha creato lei stesso l'NFT e l'ha venduto su un marketplace di NFT, i profitti possono essere considerati redditi artistici e sono quindi soggetti alla legge sull'imposta sul reddito. Se il profitto supera un certo importo, oltre all'imposta sulle criptovalute deve essere pagata anche l'imposta sulle vendite. Tuttavia, un artista NFT può anche beneficiare della regola della piccola impresa, purché abbia guadagnato meno di 22'000 euro nell'anno precedente e sia inferiore a 50'000 euro nell'anno in corso. In questo caso, l'imposta sulle vendite non si applica e gli artisti sono anche esenti dall'imposta sul commercio.

Fonte: GTK

Staking e tasse

Il periodo di detenzione per le criptovalute puntate da vendere in esenzione d'imposta diminuisce da 10 anni a 1 anno. In precedenza, il staking comportava un aumento del periodo di detenzione da 1 anno a 10 anni, il che significava che i token potevano essere venduti esentasse solo dopo 10 anni. Tuttavia, il Ministero Federale delle Finanze tedesco ha abrogato questa normativa, il che significa che il periodo di detenzione delle criptovalute non è più prolungato del staking. Anche con il prestito o la partecipazione, le criptovalute come il Bitcoin sono esenti da imposte se vengono vendute dopo più di un anno.

Fonte: PC Magazine

Yann Gerardi photo

A proposito dell'autore

Yann Gerardi

Yann è il capo del marketing di Mt Pelerin. È entrato nel mondo delle criptovalute alla fine del 2017, quando si è unito al team di assemblaggio che avrebbe dato vita a Mt Pelerin.