Capitolo 1

Introduzione al Bitcoin

Scopra la storia del Bitcoin, la prima e più grande criptovaluta. Come è stata creata, i problemi che ha risolto e il valore rivoluzionario che porta con sé.

Clock icon9 minuti|Pubblicato il 26.03.2024|Aggiornato il 04.05.2024

In sintesi

Che cos'è il Bitcoin?

Il Bitcoin è la prima criptovaluta di successo, una forma di denaro digitale. Si basa su una rete decentralizzata di computer peer-to-peer che consente il trasferimento online di valore digitale in modo non censurabile e senza l'intervento di un'entità centralizzata.

Quando è stato creato Bitcoin?

Esistono due date principali relative alla creazione di Bitcoin. La prima è il 31 ottobre 2008, quando è stato pubblicato per la prima volta il whitepaper su Bitcoin. La seconda è il 3 gennaio 2009, quando la rete Bitcoin è stata messa online.

Chi ha creato Bitcoin?

Bitcoin è stato creato da uno sviluppatore anonimo o da un gruppo di sviluppatori noti con lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto, che ha interrotto ogni attività online ed è scomparso nel 2010. Nessuno è mai riuscito a risalire alla vera identità di Satoshi.

Oggi, Bitcoin è comunemente inteso come una criptovaluta. Sebbene ciò sia certamente corretto nel senso stretto del termine, non si tiene conto di un quadro molto più ampio.

Come vedrà in questo articolo, Bitcoin è una nuova forma di denaro nel vero senso della parola, alimentata dalla sua rete di transazioni peer-to-peer sottostante.

Nella sua interezza, Bitcoin è un sistema monetario completo, senza dipendenze esterne, in grado di funzionare e di effettuare trasferimenti di valore da solo.

Bitcoin logo

Date le proporzioni epiche di Bitcoin, sembra più sensato considerare Bitcoin come una scoperta piuttosto che un'invenzione. In seguito a un processo di tentativi ed errori, molti predecessori come Hashcash, DigiCash, b-money o Bit Gold avevano già tentato di ottenere lo stesso risultato, fallendo in un modo o nell'altro.

Ma alla fine è stato un programmatore pseudonimo (o un gruppo di programmatori) chiamato Satoshi Nakamoto ad avere successo e a far conoscere Bitcoin al mondo. Quella che sembra un'invenzione unica è in realtà il culmine di varie scoperte nel campo dell'informatica, della crittografia e dell'ingegneria informatica.

Un tempismo perfetto

Non è esagerato definire la comparsa del Bitcoin come un'immacolata concezione avvolta in un mito di creazione. E la misteriosa storia di Bitcoin si legge come un thriller:

Era il 31 ottobre 2008. Poco più di un mese dopo l'apice della crisi finanziaria, un messaggio di uno pseudonimo chiamato Satoshi Nakamoto raggiunse gli iscritti di un'oscura lista di e-mail composta da esperti di crittografia.

“Sto lavorando a un nuovo sistema di denaro elettronico completamente peer-to-peer, senza terze parti fidate”, scriveva e prima di proseguire spiegava le principali proprietà di Bitcoin.

In quell'e-mail, Satoshi includeva un link a un white paper caricato su bitcoin.org, un nuovo sito web registrato due mesi prima. Il documento di nove pagine descrive un nuovo sistema di pagamento chiamato Bitcoin.

L'e-mail Bitcoin di Satoshi Nakamoto

Per gli esperti di crittografia e gli informatici che ricevettero quell'e-mail, l'idea della criptovaluta digitale non era affatto nuova.

Negli anni '90 c'erano già stati molti tentativi di questo tipo, ma tutti erano falliti. Non sorprende che il documento sul Bitcoin sia stato accolto inizialmente con scarso entusiasmo. Perché questa proposta dovrebbe essere fondamentalmente migliore delle precedenti?

Ciò che ha fatto la differenza è stato il fatto che non solo combinava diverse scoperte tecnologiche, ma era anche molto radicata nello spirito dell'economia Austriaca.

Quando si parla di denaro spontaneo e non governativo, nessun'altra scuola di pensiero ha riflettuto così attentamente e diligentemente su questo argomento, portando a interessanti intuizioni sul denaro.

Poiché Satoshi Nakamoto ha chiaramente attinto a queste intuizioni quando ha concepito Bitcoin, la criptovaluta si è rivelata un'impresa veramente interdisciplinare, radicata in un pensiero realistico sul funzionamento del denaro.

Un'altra importante particolarità di Bitcoin è che Nakamoto era anonimo. Il fatto che nessuno sapesse (e tuttora non lo sappia) chi si celasse dietro lo pseudonimo rendeva il tutto misterioso e affascinante.

Questo ha dato al Bitcoin un proprio mito di creazione quasi religioso. Il fatto che il fondatore di Bitcoin sia rimasto anonimo ha aiutato il progetto a guadagnare abbastanza trazione senza essere fermato da un governo o da altri. Non essendoci uno sviluppatore principale o una mente identificabile che potesse essere eliminata, Bitcoin è riuscito a crescere in modo silenzioso e organico. Il fatto che persino il fondatore sia sconosciuto e non occupi una posizione centrale di potere sottolinea l'integrità e la proposta di valore del Bitcoin.

Avendo preso vita in questo modo unico e nel bel mezzo del caos della crisi finanziaria del 2008, l'idea e l'implementazione del Bitcoin non avrebbero potuto essere scelte più tempestive. Da allora il Bitcoin è cresciuto, imitando il fenomeno dell'ordine emergente o spontaneo. A causa del suo inizio originale, sembra improbabile che qualcosa di simile al Bitcoin possa ripetersi.

La scomparsa di Satoshi Nakamoto

Uno degli eventi più misteriosi della storia di Bitcoin deve essere menzionato: la scomparsa di Satoshi Nakamoto. Satoshi ha lavorato al codice sorgente del Bitcoin e ha partecipato alle discussioni sul forum bitcointalk.org fino alla metà del 2010. A quel punto, però, Nakamoto ha interrotto tutte le sue attività e ha rinunciato al controllo di tutti i domini legati a Bitcoin che aveva registrato e possedeva.

Da allora nessuno ha più avuto notizie di Satoshi e i circa 1 000 000 di BTC di sua proprietà sono rimasti intatti fino ad oggi. Questa enorme quantità di Bitcoin, nota comunemente come monete di Satoshi, valeva quasi 70 miliardi di dollari al massimo storico del Bitcoin nel novembre 2021. Questa ricchezza farebbe di Satoshi Nakamoto una delle 50 persone più ricche del mondo. Sebbene molte persone abbiano cercato di scoprire la sua vera identità e le ragioni della sua scomparsa, nessuno è riuscito a dimostrare in modo definitivo chi fosse veramente Satoshi Nakamoto.

Tecnologie monumentali

Oltre al tempismo, all'originalità e all'immacolata concezione di Bitcoin, la sua monumentale realizzazione tecnologica consiste nel risolvere l'antico Problema dei Generali Bizantini. Il problema, rimasto irrisolto fino alla nascita di Bitcoin, era il seguente: Come può un gruppo di partecipanti non fiduciosi e fisicamente separati arrivare al consenso su un compito comune?

Per secoli non è stata trovata una soluzione al Problema dei Generali Bizantini. Fornendo una soluzione coerente ed elegante, la blockchain pubblica di Bitcoin ha reso possibile a un gruppo distribuito di individui reciprocamente non fiduciosi di giungere a un accordo permanente su un insieme di transazioni in evoluzione, senza la necessità di una parte centralizzata. Poiché Bitcoin riguarda il trasferimento di valore, la soluzione al Problema dei Generali Bizantini è in definitiva una soluzione al problema della doppia spesa.

Il problema della doppia spesa

Fondamentale per la validità di qualsiasi forma di moneta digitale decentralizzata, il problema della doppia spesa consiste nell'impedire che una determinata unità di denaro venga spesa più di una volta dalla stessa persona.

Bitcoin cambia davvero le carte in tavola, proprio come la stampa. Ideata da Johann von Gutenberg, la stampa ha standardizzato e democratizzato il processo di confezionamento e trasmissione delle informazioni, consentendo lo scambio e la diffusione di informazioni peer-to-peer su grandi distanze senza intermediari. Satoshi ha progettato fondamentalmente la stessa cosa, ma per lo scambio di valore.

Ma ancora una volta, Bitcoin non sarebbe Bitcoin se non ci fosse dell'altro. Se il trasferimento di valore senza fiducia era una componente cruciale, la scarsità digitale era un'altra. Nel caso di Bitcoin, la scarsità digitale era scritta nella pietra del codice: ci saranno solo 21 milioni di bitcoin che potranno essere creati.

Un nuovo modello di prosperità economica

Risolvendo il problema della doppia spesa, rendendo possibile il trasferimento di valore peer-to-peer senza intermediari e introducendo la scarsità digitale assoluta, Bitcoin ha inaugurato l'era di una forma di denaro veramente digitale. In quanto tale, Bitcoin equivale alla scoperta dell'oro nel regno di Internet.

Se prendiamo come termine di paragone la storia dell'oro fisico, possiamo notare che esso ha sostenuto la prosperità economica per secoli. In effetti, l'umanità ha iniziato a crescere solo quando è stato trovato il denaro di base sotto forma di metalli preziosi, che ha aiutato le persone a coordinarsi con gli estranei e ad adottare una divisione del lavoro e della conoscenza al di fuori delle loro comunità tribali.

In seguito, le valute cartacee sono apparse sopra l'oro e hanno aiutato a scalare le interazioni di valore al di là di fattori limitanti come la portabilità, ma alla fine hanno portato al disaccoppiamento di denaro e valute. Alla fine, negli anni '70 i legami tra oro e carta sono stati completamente interrotti.

Con l'avvento dell'era informatica negli anni '80, la fisicità delle valute cartacee è stata soppiantata dall'ascesa delle valute elettroniche. Oggi, ciò che chiamiamo denaro è nella maggior parte dei casi una scrittura elettronica nel libro mastro centralizzato di una banca. Ogni legame con il denaro-merce che è l'oro è stato da tempo reciso.

Bitcoin, invece, introduce l'era dell'oro digitale con possibilità di scalabilità sociale senza pari, senza alcun compromesso tra i concetti di denaro e valuta. Questo è davvero rivoluzionario.

Il collegamento mancante della modernità

Sorprendente per molti, ma spero ovvia per i lettori di questo articolo, la rivoluzione del Bitcoin può rivelarsi ancora più grande di quella della stampa. Mentre la stampa liberava l'informazione dalla sua fisicità per renderla facilmente trasferibile, Bitcoin permette al valore di viaggiare su qualsiasi distanza istantaneamente, mantenendo la scarsità digitale. Questo è ciò che rende possibile il denaro nativamente digitale.

Bitcoin è oro digitale scalabile e programmabile, che lo rende trasferibile in modo ottimale nello spazio e nel tempo. Nello spazio grazie alla sua natura digitale e informativa, nel tempo grazie alla sua assoluta scarsità digitale.

Bitcoin è il collegamento che mancava al mondo moderno connesso. Quello a cui stiamo assistendo con Bitcoin è una forma di distruzione creativa che ha luogo a livello del denaro stesso. È quindi logico aspettarsi che la gigantesca industria bancaria e finanziaria mondiale, che esiste proprio grazie al concetto di denaro, si trasformi in modo significativo nei prossimi decenni.

Finora è stato un grande successo: il Bitcoin valeva un paio di centesimi alla sua nascita, 1 dollaro dopo meno di un anno, da $100 a $1 000 dollari nel 2013, fino al massimo storico di $73.738 dollari nel 2024:

Con l'emergere di una nuova economia della cybermoneta, un numero sempre maggiore di persone e di istituzioni finanziarie si sta imbarcando su questa nuova base che è l'oro digitale. Grazie alla sua superiorità tecnologica e all'enorme potenziale di crescita, è probabile che l'economia della cybermoneta con il Bitcoin sia destinata a diventare una delle più grandi economie del mondo.

Non perdetevi la prossima guida!

Iscrivetevi alla nostra newsletter e riceverete i prossimi capitoli direttamente nella vostra casella di posta elettronica.

Iscrivetevi