Money illustration

Capitolo 1

Cos'è il denaro?

Prima di addentrarci in ciò che è una criptovaluta, prendiamoci il tempo di esaminare il concetto stesso di denaro. Cos'è il denaro? Perché vale qualcosa? È almeno reale? Rispondere a queste domande vi aiuterà a capire come sono nati il Bitcoin e le criptovalute.

Oggi diamo il denaro per scontato. Non solo lo diamo per scontato, ma molti di noi credono che il denaro sia un qualcosa di statico, la cui natura è scolpita nella pietra. Niente potrebbe essere più lontano dalla verità. L'essenza del denaro è in continuo cambiamento fin dalla sua nascita. Vanta una lunga storia; infatti la storia del denaro è in definitiva anche la storia dell'umanità.

Come tutto ebbe inizio

Questa storia inizia con le tribù preistoriche. Proprio come noi esseri umani oggi, i membri dei clan tribali erano esseri umani fatti di carne e sangue. Come tali, anche loro avevano diversi talenti, desideri e preferenze. Di conseguenza, questi esseri premoderni scolpivano, raccoglievano, accumulavano e scambiavano cose diverse. Per alcuni, le perline apparivano desiderabili. Altri bramavano le conchiglie, mentre altri ancora avevano a cuore le pellicce o le zanne.

Soldi di perline di conchiglie di Pacifico

Soldi di perline di conchiglie

Credito: Queensland Museum

Fin dagli albori del genere umano, abbiamo raccolto, accumulato e talvolta scambiato diversi oggetti da « collezione ». In realtà, quello che noi consideriamo un effettivo scambio - o commercio vero e proprio - non avveniva all'interno dei clan tribali. La gerarchia sociale era piuttosto determinata, e ognuno conosceva il proprio posto all'interno della gerarchia, cosa fare e cosa possedere.

È stato quando le persone hanno iniziato a spostarsi, quando l'interazione umana ha iniziato a trascendere i confini dei clan che le cose hanno iniziato a cambiare. Quando gli estranei cominciarono a mescolarsi e ad interagire con altri estranei, si svilupparono lentamente lo scambio e il commercio.

Ben presto, la moneta merceologica emerse da quelli che erano oggetti da collezione e da accumulare, per facilitare questo commercio. Tra queste materie prime, l'oro e l'argento presero la posizione dominante e si affermarono gradualmente come moneta merceologica per eccellenza.

Una delle monete più antiche, un Electrum greco del 650 a.C.

Una delle monete più antiche, un Electrum greco del 650 a.C.

Credito: cngcoins.com

Metalli preziosi e cartamoneta

Questi metalli preziosi circolarono presto sotto forma di monete coniate, dopo tutto è più comodo portarsele in tasca. Con esse, la corretta misurazione della massa e del peso fu resa più facile. A sua volta, questo permise di valutare beni e servizi ed esprimerli in rapporti di scambio definiti: 1 moneta compra 2 mele, ecc. Questa praticità permise allo scambio e al commercio di fiorire.

Cartamoneta della dinastia Song, XI secolo

Cartamoneta della dinastia Song, XI secolo

Fonte: Wikimedia

Nel corso dei secoli, furono sviluppati metodi sempre più sofisticati per utilizzare le monete. Nel XV secolo, tuttavia, l'invenzione della stampa cambierà radicalmente le cose. Ciò che era già usato da mercanti e banchieri nelle città-stato italiane di Venezia, Firenze e Genova poteva improvvisamente diffondersi facilmente: era nata la cartamoneta. Sempre più spesso, non erano più le monete d'oro o i lingotti d'argento a passare di mano, ma i fogli di carta che erano espressi in once o lingotti di metalli preziosi.

Furono inventate diverse forme di cartamoneta come le cambiali o le banconote, e la varietà e la complessità aumentarono. Tutti questi diversi strumenti avevano però una cosa in comune: erano tutti convertibili in oro o argento che esisteva in una vera e propria cassaforte da qualche parte..

Essere coperto o non essere coperto

Con questo nuovo livello di astrazione, emerse una nuova tentazione per la persona che emetteva la carta. E se la carta non dovesse essere necessariamente riscattabile? Deve davvero corrispondere a qualcosa di tangibile? Mentre questo avrebbe ostacolato la fiducia nell'emittente e nella sua carta emessa, la tentazione alla fine era troppo grande e non si poteva resistere.

Un certificato d'oro da 100 dollari

Un certificato d'oro da 100 dollari

Credito: National Numismatic Collection, National Museum of American History

Durante gli ultimi secoli, il più delle volte la promessa di una cartamoneta di essere convertibile in oro non è stata mantenuta. Questo permetteva al rispettivo emittente di emettere una quantità di promesse di carta maggiore di quanto non ci fosse oro o argento nel caveau reale per sostenerle. Era nata la famigerata macchina per stampare denaro.

Di fatto, la più grande trovata in questo senso è stata fatta dai governi quando molti di loro sono entrati nelle due guerre mondiali, le cui gigantesche spese potevano essere pagate solo sospendendo la rimborsabilità delle loro valute cartacee.

Mentre i governi miravano a ripristinare l'ancoraggio all'oro per la loro cartamoneta dopo le guerre, a posteriori queste si rivelarono solo parole vane. Nel 1971, gli Stati Uniti d'America tagliarono i loro legami con l'oro, e con essi l'intero pianeta seguì l'esempio.

Avendo lasciato una volta per tutte il sistema aureo, il mondo è diventato il regno del denaro fiat, cioè il denaro emesso dal governo che non è sostenuto da qualcosa di tangibile.

Come tale, le valute di carta che usate ogni giorno non sono più sostenute dall'oro, ma dai titoli di stato e dalla promessa della rispettiva banca centrale di mantenerle in funzione.

Non solo il denaro di oggi non è più sostenuto dall'oro, ma non c'è più quasi nessuna carta. La cartamoneta che di solito associamo al contante è in ritirata. Oggi il denaro elettronico è all'ordine del giorno. Anch'esso si presenta in una varietà di forme diverse, che si tratti di depositi bancari, carte di debito/credito, o denaro elettronico trasferito attraverso applicazioni di mobile banking.

Mentre la forma di questi nuovi strumenti è completamente diversa dalla cartamoneta, la loro essenza e sostanza sono essenzialmente le stesse. Le forme elettroniche di denaro sono ancora discendenti della carta moneta, che è a sua volta una discendente dell'oro. Ad un livello fondamentale, non è cambiato nulla.

Ma cos'è il denaro?

Ora che abbiamo dato un'occhiata alla storia del denaro e abbiamo imparato che il denaro ha subito una vera e propria trasformazione nel corso dei secoli, parliamo di cosa è veramente il denaro.

Con tutte le diverse forme di denaro che sono esistite ed esistono ancora, esiste una cosa come l’unico e solo denaro?

Molti tendono a credere che le valute nazionali come il dollaro USA, l'euro o il franco svizzero siano ciò che dovrebbe essere chiamato denaro reale. Mentre queste valute governative sono sicuramente predominanti oggi, non c'è alcuna garanzia che continueranno ad esserlo in futuro. A giudicare dalla cattiva eredità della cartamoneta, le loro prospettive sembrano davvero piuttosto scoraggianti.

Ciò che funge da denaro è sempre legato al tempo e al contesto. Non esiste il denaro per tutti e per tutto.

Cercando di rispondere a cosa sia il denaro, il grande economista austriaco Friedrich August von Hayek ha coniato il termine "moneyness". Come ha giustamente detto:

“Il denaro non deve essere inteso come un sostantivo ma come un aggettivo.”
Friedrich Hayek

Friedrich Hayek

Secondo Hayek, le cose nel mondo reale mostrano più o meno "moneyness", nel senso che alcune cose sono più affini al denaro di altre in certi contesti.

Continuando con il pensiero di Hayek, possiamo affermare che il concetto di denaro è piuttosto soggettivo. Nel complesso mondo di oggi, c'è una gerarchia di denaro. Per alcune persone, alcune cose potrebbero funzionare come denaro, mentre per altre, la stessa cosa potrebbe non avere alcun valore monetario.

Per esempio, le riserve di denaro che le banche centrali danno alle banche commerciali agiscono come denaro per queste ultime, ma non hanno un uso monetario diretto per la gente comune. Allo stesso tempo, i depositi bancari possono essere perfettamente utilizzati dai clienti delle banche per pagare qualsiasi tipo di debito, ma non sono di alcuna utilità nel contesto di una relazione finanziaria tra una banca centrale e una banca commerciale.

Il denaro in definitiva è un mezzo per un fine. Può assumere molte forme diverse, a seconda del rispettivo fine. Come tale, il denaro può essere visto come un'istituzione per regolare l'interazione umana. È un linguaggio per comunicare con altri pari nel qui e ora ma anche nel futuro.

Il denaro per il presente incarna il cosiddetto mezzo di scambio o mezzo di pagamento. Il denaro per il futuro ha la funzione di essere una riserva di valore. A questo proposito, il denaro serve come un veicolo per risparmiare tempo ed energia che può essere rilasciato più tardi nel tempo.

Valutare la qualità di un denaro

La solidità del denaro

Come nasce il denaro? Il denaro fiat di oggi è creato da diverse istituzioni. Seguendo la suddetta gerarchia del denaro, il denaro fiat di base è creato dalle banche centrali, mentre oltre a questo denaro di base, i surrogati del denaro e i derivati sono emessi dalle banche commerciali e da altre entità simili alle banche.

I nostri antenati creavano il denaro con la forza e l'energia: coniavano denaro con risorse fabbricate o estratte dal mondo reale. Il Wampum dei nativi americani o le pietre rai dei micronesiani erano esempi di denaro duro e artigianale.

L'oro e l'argento sono il tipico esempio di denaro estratto e coniato. Questi tipi di denaro sono di solito indicati come moneta merceologica, poiché sono stati creati a partire da una merce.

Quanto più costoso è produrre una moneta di base, tanto più dura o solida possiamo considerare quella moneta. I metalli preziosi sono considerati tra i più duri di tutte le monete, poiché presentano costi marginali di produzione crescenti. Questo significa che i costi di produzione aumentano con ogni unità addizionale di oro che viene prodotta, rendendo sempre più costosa la produzione di un'unità addizionale di oro. Questa è la caratteristica che rende l'oro un denaro duro.

Centralizzazione e decentralizzazione

Oltre alla durezza, un'altra caratteristica importante che definisce la natura del denaro ruota intorno al suo grado di centralizzazione o decentralizzazione. Mentre non c'è un denaro che sia interamente centralizzato o completamente decentralizzato, diverse monete possono essere classificate secondo uno spettro di "più" o "meno".

Se l'emissione di una moneta è effettuata da un'istituzione o da un comitato, il grado di centralizzazione è piuttosto alto. Questo è il caso del sistema monetario fiat di oggi. L'emissione di moneta fiat di base è effettuata da una rispettiva banca centrale, che è un comitato composto da poche persone. Questo comitato di tecnocrati conduce la politica monetaria in risposta a come interpretano la situazione economica attuale del loro Paese.

Come detto, nessun sistema monetario (né denaro) è completamente centralizzato. Se consideriamo il sistema fiat di oggi, mentre la moneta di base è emessa e governata centralmente, l'espansione (e la contrazione) dei surrogati di moneta e degli strumenti simili alla moneta avviene in modo decentralizzato: ogni singola banca vi contribuisce. Tuttavia, l'emissione di questi rispettivi surrogati monetari è ancora effettuata centralmente da diversi intermediari.

Come si colloca la cartamoneta di oggi?

Se giudichiamo guardando i fattori di durezza e decentralizzazione, il denaro fiat risulta piuttosto scarso. Le valute fiat non sono né dure né decentralizzate.

A causa delle attuali politiche monetarie ultra-espansive in tutto il mondo, il denaro fiat è soggetto a una costante svalutazione. Anche se i dollari americani, gli euro o i franchi svizzeri sembrano essere stabili nei prezzi rispetto a beni di uso quotidiano come banane, latte o un chilo di riso e l'inflazione dei prezzi al consumo è, secondo le dichiarazioni ufficiali, vicina allo zero, queste valute fiat perdono costantemente valore nel corso degli anni.

La corsa al ribasso del denaro fiat diventa particolarmente ovvia quando si tiene conto dell'inflazione dei prezzi dei beni: una data quantità di denaro fiat compra sempre meno di un dato bene più solido, come i beni immobili, l'oro o anche le azioni, nel tempo.

Che dire dell'oro?

Mentre l'oro è il più solido di tutti questi beni tradizionali ed è sempre stato percepito come la migliore riserva di valore, il prezioso metallo giallo non è nemmeno realmente decentralizzato. È vero che il processo di estrazione dell'oro non è orchestrato centralmente ed è condotto da molti attori dispersi, ma a causa del suo forte peso e degli alti costi di transazione, l'oro ha attraversato un corso naturale di sempre maggiore centralizzazione.

Un lingotto d'oro

Quanto sono solido?

Usato solo come mezzo di regolamento, l'oro ha cominciato a concentrarsi nei caveau, portando a una centralizzazione sempre maggiore. Mentre l'oro è ancora diffuso nelle mani delle persone sotto forma di monete, lingotti e gioielli, una grande quantità di oro oggi risiede nei caveau delle banche centrali.

Introduzione della resistenza alla censura

Rispetto all'oro, il denaro fiat è più centralizzato. Mentre questa dicotomia di decentralizzazione e centralizzazione è usata abbastanza spesso, il termine "resistenza alla censura" è un modo migliore per descrivere ciò che la gente di solito intende quando si riferisce alla prima.

Cosa intendiamo per resistenza alla censura? Oggi, finanziamo le cose usando il denaro fiat come principale mezzo di scambio in un mondo fatto di intermediari, che intermediano tra diverse parti disposte a realizzare transazioni.

Gli intermediari autorizzano o rifiutano le transazioni, secondo i regolamenti finanziari a cui sono soggetti. Di conseguenza, il livello di decentralizzazione o di resistenza alla censura del sistema fiat di oggi è debole. Le transazioni possono essere bloccate in base a fattori predeterminati.

Una dimostrazione molto scioccante ma eloquente è accaduta alla fine del 2010, quando diverse società finanziarie hanno ricevuto l'ordine dal governo degli Stati Uniti di sospendere le donazioni per Wikileaks, un'organizzazione senza scopo di lucro, servizio di informazione e fuga di notizie. Non solo le aziende americane come Visa, Mastercard o Paypal hanno bloccato i pagamenti al sito web di Wikileaks, ma anche il braccio finanziario delle poste svizzere PostFinance ha congelato i conti bancari del fondatore di Wikileaks Julian Assange.

Mentre le azioni di Wikileaks sono in discussione, questo esempio mostra che il sistema di denaro fiat di oggi può censurare e bloccare chiunque a piacimento. Che sia per motivi politici, religiosi o altro, il fatto che questo sia possibile dovrebbe essere un segnale di avvertimento per chiunque sia a favore di una società libera.

Porsi la giusta domanda

In conclusione di tutto ciò, il denaro è davvero una questione delicata. Il denaro è un mezzo astratto per un fine, ma può trasformarsi rapidamente in un fine in sé per via di una forza chiamata avidità, che è intrinsecamente alla base degli esseri umani. A causa di questo, il denaro di solito ha una cattiva reputazione. Per molte persone, il denaro è una forza malevola che corrompe la società. Non per niente il detto recita: "Il denaro governa il mondo".

Ma chi governa il denaro? Per quanto banale possa sembrare questa domanda, la risposta è cruciale. Dovreste basare il vostro giudizio definitivo sul denaro solo se capite cosa o chi lo controlla? Se fate fatica a rispondere a questa domanda, potreste voler tornare ai paragrafi precedenti e rileggerli.

La risposta di Bitcoin

Che cosa ha a che fare tutto questo con le criptovalute? Riassumiamo brevemente lo stato del nostro denaro quotidiano:

  • Ha perso la sua durezza, è solo carta e linee in fogli Excel
  • È altamente centralizzato, pochissime persone lo controllano
  • Può essere facilmente censurato e portato via

Capite il problema? Tali questioni hanno preoccupato sempre più persone ed economisti negli ultimi decenni, e la crisi finanziaria del 2007-2008 è stata un punto di non ritorno per molti.

Fu in quel periodo che la questione di chi governa il denaro fu posta anche da uno pseudonimo online chiamato Satoshi Nakamoto. In un'oscura lista di e-mail inviata a crittografi, libertari e cripto-anarchici, Nakamoto propose una soluzione e introdusse il concetto di un sistema di denaro elettronico peer-to-peer. Il punto di vendita unico? Una rete di individui che avrebbe funzionato da sola, senza alcuna autorità centrale che la sorvegliasse.

Nelle sue prime conversazioni via e-mail con le persone, ha menzionato il motivo per cui un'autorità centrale che supervisiona il denaro è storicamente sempre stata una cattiva scelta:

“Il problema principale della moneta convenzionale è tutta la fiducia che è richiesta per farla funzionare. Ci si deve fidare che la banca centrale non svaluti la moneta, ma la storia delle valute fiat è piena di violazioni di questa fiducia. Ci si deve fidare che le banche detengano il nostro denaro e lo trasferiscano elettronicamente, ma lo prestano in ondate di bolle di credito con appena una frazione di riserva. Dobbiamo fidarci di loro per la nostra privacy, fidarci che non lascino che i ladri di identità prosciughino i nostri conti. I loro enormi costi generali rendono impossibili i micropagamenti.”

Poiché il denaro e la finanza tradizionali dipendono da un grande livello di fiducia nei loro confronti e poiché questa fiducia è stata ripetutamente infranta, Nakamoto ha proposto un sistema alternativo chiamato Bitcoin. Questo sistema dovrebbe essere un nuovo sistema dove sono necessari meno intermediari, dove la fiducia può essere dispersa tra un maggior numero di attori incentivati, e dove le cose sono per lo più governate ed eseguite dal codice di programmazione.

Il Bitcoin è progettato per essere un sistema di regole senza governanti. È anarchico, ma non caotico. È un sistema finanziario che appartiene a tutti e a nessuno allo stesso tempo. Il suo scopo è quello di essere una moneta del popolo, dal popolo per il popolo.

Naturalmente, in realtà il Bitcoin non è perfetto (niente lo è) e non è nemmeno completamente privo di fiducia. Ma questo è un argomento per un altro articolo.

Questo è tutto! Ora conoscete la storia, la natura e la qualità del denaro, e quali sono i suoi difetti che il Bitcoin e le criptovalute stanno cercando di risolvere. Congratulazioni!

In sintesi

  • Ripercorriamo una lunga evoluzione del denaro. Il denaro non è mai stato un concetto statico, ma è emerso spontaneamente. Dalle conchiglie alle pietre, gli oggetti preziosi sono emersi come prima moneta di scambio. Più tardi, la cartamoneta ha progressivamente sostituito l'oro e l'argento, culminando nello standard fiat. Oggi, il denaro si presenta principalmente in forma elettronica.
  • La dicotomia tra carta e oro porta a una domanda chiave: Il denaro è sostenuto da qualcosa di reale? O è solo libero di fluttuare rispetto ad altre monete diverse? È importante capire che non esiste una sola forma di denaro. Il denaro è una cosa soggettiva, che assume molte forme.
  • Mentre le valute fiat sono la forma dominante di denaro al giorno d'oggi, le domande sulla durezza del denaro e la sua decentralizzazione sono spuntate di recente. Perché? Perché sta diventando sempre più evidente che la valuta fiat se la cava piuttosto male quando si tratta di queste due caratteristiche che lo definiscono. Il denaro fiat si svaluta continuamente e può essere facilmente confiscato.
  • Con il Bitcoin e le criptovalute, nuove forme di denaro sono sorte come risposta agli scarsi risultati del fiat senza supporto d'oro. Rappresentano un modo innovativo di immaginare un sistema finanziario alternativo. Per dirla senza mezzi termini: sono un tentativo di sottrarre il denaro come forza che influenza l'economia, la politica e la società dalle mani delle autorità centrali di pianificazione.

Non perdetevi la prossima guida!

Iscrivetevi alla nostra newsletter e riceverete i prossimi capitoli direttamente nella vostra casella di posta elettronica.

Iscrivetevi